Servizi

Introduzione ai servizi dell’Isf

Anno 2011

L’Istituto Sacra Famiglia (Isf) opera nel campo del sociale collaborando attivamente con il Comune di Roma con la finalità istituzionale di tutelare e proteggere i  minori in condizione di grave disagio sociale ed economico.

 L’Ente ha vissuto in questi ultimi anni grandi cambiamenti sia sotto il profilo giuridico, mettendo le basi per trasformarsi da IPAB (Istituto di pubblica assistenza e beneficenza) in “Azienda Pubblica di Servizi alla Persona”, sia sotto il profilo operativo, riorganizzando e riqualificando i propri Centri in ottemperanza alle attuali leggi nazionali e regionali che governano le strutture residenziali per minori. Nel rispetto dei fini istituzionali delineati dal proprio Statuto, l’I.P.A.B. accoglie minori dai 6 ai 18 anni. L’ISF attualmente realizza la propria attività per mezzo di due tipologie di servizi residenziali, centri di prima e di seconda accoglienza minori, nonché attraverso un servizio di accompagno e tutoraggio per ragazzi neo-maggiorenni e minori prossimi al raggiungimento della maggiore età,  dimessi dalle strutture di seconda accoglienza dell’Ente stesso.

Tali servizi presentano le seguenti peculiari caratteristiche.

 1.       Un Centro di Prima Accoglienza accoglie un massimo di 12 minori,  è attivo  24 ore su 24, per tutto l’anno e risponde ai bisogni primari e immediati dei ragazzi, dalle cure  psico – fisiche alle adempienze di carattere  giuridico – amministrativo;

2.       Una Casa Famiglia e un Gruppo Appartamento  sono strutture di seconda accoglienza nelle quali i ragazzi seguono percorsi individualizzati, definiti dai singoli progetti, finalizzati prevalentemente al recupero di un’adeguata integrazione sociale e al raggiungimento dell’autonomia sociale ed economica.

3.       Servizio Integrativo di Semiautonomia, sostiene quei ragazzi che, al compimento del diciottesimo anno di età, non hanno ancora raggiunto un adeguato livello di autonomia sociale ed economica.